Cosa vedere a Cremona con i bambini: un weekend nella città della musica

Museo del violino

 

Capitale mondiale della liuteria, l’antica arte della costruzione degli strumenti a corda e patria del Torrone, Cremona è una città non troppo grande, con musei adatti anche ai più piccoli, perfetta per una gita in famiglia. Ecco, cosa vedere a Cremona con i bambini.

Proprio durante la Festa del Torrone, abbiamo partecipato ad un tour organizzato dal Servizio Turismo del Comune di Cremona. È stata l’occasione ideale per scoprire questa bellissima città, la cui immagine è da sempre legata alla tradizione musicale.

Ciò che più ci ha colpito di Cremona è proprio il suo legame con la musica. Nel corso del tour, abbiamo avuto l’occasione di assistere ad un’esibizione al museo del violino e ad un’opera lirica al teatro Ponchielli, ma a Cremona la musica è, davvero, ovunque.

Se state cercando un’idea per un weekend in Lombardia, Cremona è la città ideale. Il centro storico ricco di fascino, che raccoglie i principali punti d’interesse, i gustosi prodotti locali e le esperienze a misura di famiglia, ne fanno la destinazione perfetta per un fine settimana con i bambini.

Indice

Visitare Cremona con i bambini (o senza)

Infopoint

Se avete deciso di visitare Cremona con i bambini, vi consiglio, appena arrivate in centro, di passare dall’Infopoint in Piazza del Comune n. 5. Qui, potrete chiedere una mappa della città e farvi indicare i punti di interesse più importanti, ma anche perdere parte ad una delle visite guidate, che vengono organizzate quotidianamente.

Tutti i giorni, ad esempio, alle ore 14,30, proprio dall’Infopoint, parte una visita guidata per il centro della città. L’ itinerario, dedicato alla piazza del Comune con i suoi palazzi e monumenti, ripercorre i secoli della storia cittadina dalla strada basolata della città romana, alle architetture romaniche e gotiche della Cattedrale,

In alternativa, vi verrà offerta la possibilità di visitare la Piazza del Comune ed in suoi monumenti in autonomia, con le audioguide interattive.

È, poi, possibile partecipare, su prenotazione, alla visita ad una bottega di liuteria o a dei bike Tours.

Welcome Card

Sempre presso l’Infopoint di piazza del Comune, potete acquistare le Welcome Card. Si tratta di una carta che consente di accedere a musei e monumenti a prezzi scontati, di ottenere sconti e agevolazioni in diversi negozi, ristoranti e alberghi della città, oltre che di effettuare una visita guidata gratuita.

La Welcome Card è disponibile a soli 10 euro e dura dodici mesi.

La possibilità di effettuare una visita guidata gratuita fra quelle organizzate dall’Infopoint è di per sé sufficiente a rendere vantaggioso l’acquisto della carta.

Dove parcheggiare a Cremona?

Parcheggiare a Cremona non è difficile. State però attenti a non entrare per errore in una zona a traffico limitato. In città, ci sono diversi parcheggi a pagamento. Qui, invece, trovate una lista di parcheggi liberi, non particolarmente lontani dal centro. 

Cosa vedere a Cremona?

Se vi state chiedendo cosa vedere a Cremona con i bambini (o senza), tenete in considerazione che la città ha davvero tanto da offrire. In ogni caso, la maggior parte dei punti d’interesse si possono raggiungere a piedi, passeggiando per le vie del centro.

La Piazza del Comune 

Iniziate la vostra visita dalla bellissima Piazza del Comune, il cuore della città. La Piazza, considerata uno degli esempi meglio conservati in Italia di spazio pubblico medievale, rappresenta l’incontro tra sacro e profano, potere temporale e potere spirituale. Qui, infatti, da un lato, potete ammirare il palazzo comunale e la Loggia dei Militi e, dall’altro, il Duomo, il Battistero ed il Torrazzo.

Se avete deciso di vistare Cremona, tenete in considerazione che, il sabato ed il mercoledì mattina,  la piazza del Comune e quelle adiacenti si animano con un pittoresco e colorato mercato. Troverete fiori coloratissimi, banchi di gastronomia, capi d’abbigliamento ed accessori. 

Comune di Cremona

Il Torrazzo 

Il simbolo di Cremona è il Torrazzo, la torre campanaria medievale più alta d’Europa, edificata tra il 1267 e il 1305. 

L’orologio astronomico della torre, in grado di indicare il moto degli astri e le fasi lunari, venne installato nel 1583.

Qui, nel 2018 è stato inaugurato il Museo Verticale del Torrazzo che, in un affascinante percorso legato alla misurazione del tempo, consente di ammirare tutti gli ambienti interni della grande torre.

Se avete deciso di visitare Cremona, vi consiglio di salire fino in cima, percorrendo i 502 gradini della scala medievale. Raggiunta la terrazza panoramica, potrete godere di una vista mozzafiato sulla città. 

Il Palazzo del Comune e la Loggia dei Militi

Il Palazzo del Comune è un edificio risalente al 1206, ampliato e modificato nel corso dei secoli, con la tipica forma del broletto lombardo. Lo spazio interno, che prevedeva un’unica grande sala per le riunioni del popolo del Comune, fu, nel tempo, suddiviso in nuovi ambienti di minori dimensioni tra i quali la Sala dei Violini, la Sala della Consulta ed il Salone dei quadri, sede del Consiglio Comunale.

La Loggia dei Militi, eretta nel 1292, è l’edificio che si trova alla sinistra del palazzo comunale. Si tratta del luogo in cui si incontravano i membri della “Società dei Militi”, alla quale appartenevano i più ricchi ed eminenti abitanti della città e del suo territorio.

 

Palazzo del Comune

La Cattedrale di Santa Maria Assunta

Assolutamente da vedere a Cremona è la bella Cattedrale, un interessante esempio di architettura romanica lombarda.

La sua costruzione risale al 1107. Dieci anni dopo, tuttavia, venne danneggiata da un terremoto e la sua costruzione riprese quasi da capo. L’edificio che si può ammirare oggi ha raggiunto l’aspetto attuale dopo numerosi rimaneggiamenti. Sulla chiesa romanica, infatti, venne innestata una struttura gotica che rese la Cattedrale di Cremona uno dei più insigni esempi di architettura religiosa del Nord Italia. Al suo interno, si possono ammirare opere dei più importanti esponenti della scuola pittorica rinascimentale cremonese.

 

Piazza del Comune

Il Battistero

Il Battistero di Cremona, risalente al 1167, è una caratteristica costruzione di stile romanico, a pianta ottagonale. La scelta dell’ottagono, comune a molti battisteri, è un rimando al giorno della Resurrezione. Al suo interno, ospita un fonte battesimale cinquecentesco.

La strada basolata romana

Dai porticati di via Solferino è possibile accedere ai resti di due strade romane risalenti al I sec. A. C.

Questi tratti di strada vennero scoperti nel 1967, in occasione della costruzione della Camera di Commercio ed hanno contribuito a disegnare la mappa viaria della città romana. Si tratta di resti di selciati costituiti da basoli, ovvero da lastroni in pietra con la faccia superiore levigata e quella inferiore a cuneo.

Se andrete a Cremona con i bambini, tenete in considerazione che viene proiettato un cartone animato, che narra la storia della città romana.

Teatro Amilcare Ponchielli

Se ne avete l’occasione, vi consiglio di dare un’occhiata alla programmazione del Teatro Amilcare Ponchielli, il cui attuale edificio è il risultato di una serie di interventi che dura da duecentocinquant’anni.

teatro Ponnichelli

Le vie del centro di Cremona 

Il centro di Cremona è, poi, ricco di piazze, edifici e chiese, come la Chiesa di Sant’Agostino e di Sant’Abbondio o quelle di Sant’Agata e San Luca. Cartina alla mano, potreste passeggiare tra le vie della, alla scoperta dei tanti edifici storici.

Non perdetevi Piazza Stradivari e la Piazza della Pace. Potreste poi visitare la casa nuziale di Stradivari, l’edificio che fu bottega e abitazione del famoso liutaio dal 1667 al 1680.

Se avete deciso di visitare Cremona con i bambini, vi consiglio di fare una sosta ai Giardini Papa Giovanni Paolo II, i giardini di via Roma. Non lontano si trova, inoltre, la maestosa Galleria XXV Aprile, risalente al periodo fascista, la cui struttura è opera dell’architetto cremonese Nino Mori.

I musei di Cremona

Museo del Violino 

La città, come ho accennato, ha una ricca tradizione musicale. Non si può, quindi, visitare Cremona senza aver trascorso qualche ora nel Museo del Violino, che al suo interno raccoglie i reperti stradivariani, la ricostruzione di una bottega di liuteria e soprattutto due collezioni dal valore inestimabile: lo Scrigno dei tesori e i Friends of Stradivari, oltre a una collezione dedicata all’espressione della miglior liuteria contemporanea mondiale. 

Si tratta di un museo unico al mondo, che racconta cinque secoli di liuteria cremonese. 

È un museo adatto a tutti, esperti e non, ed anche a chi ha deciso di visitare Cremona con i bambini. Nel museo, infatti, si trovano dei supporti multimediali ed interattivi, che consentono ai bambini di scoprire i segreti del violino, con delle spiegazioni chiare e coinvolgenti. In ogni sala, infatti, è presente una postazione interattiva pensata proprio per loro.

Museo Civico Ala Ponzone ed il Museo Civico di Storia Naturale

In un elegante palazzo cinquecentesco, Palazzo Affaitati, situato nel centro di Cremona, troverete il Museo Civico Ala Ponzone.

Il cuore del museo è una pinacoteca che raccoglie più di duemila pezzi, dal Medioevo al Novecento. Qui, potrete ammirare alcuni capolavori come il celebre “San Francesco in meditazione” del Caravaggio, o l’emblematico “Ortolano” di Francesco Arcimboldo.

Con i bambini, potreste visitare, sempre all’interno di Palazzo Affaitati, il Museo Civico di Storia Naturale. Qui, ha sede anche la Piccola Biblioteca del Comune di Cremona, pensata per bimbi e ragazzi tra gli 0 ed i 13 anni. La biblioteca dispone anche di uno spazio per i più piccoli, con fasciatoio e baby pit stop per allattamento.

Bambino in biblioteca

Museo Diocesano

Durante il nostro tour a Cremona, abbiamo avuto la possibilità di ammirare il nuovissimo Museo Diocesano. Situato in pieno centro, ospita le opere d’arte provenienti dalle realtà ecclesiali della Diocesi. 

museo diocesano

Cosa fare a Cremona con i bambini

Visitare la bottega di un liutaio

La liuteria è un’antica arte riconosciuta tra i beni immateriali dell’UNESCO. Visitare la bottega di un liutaio significa entrare nel mondo della liuteria cremonese e scoprirne i segreti. Si tratta di un’esperienza davvero interessante da fare a Cremona con i bambini.

Il liutaio vi mostrerà il procedimento di costruzione di un violino: dalla scelta del legno, alla realizzazione del disegno e della forma interna, alla costruzione dello strumento sino alla verniciatura, al montaggio degli accessori e al collaudo finale. 

Se siete interessati a prenotare una visita, cliccate qui.  

Liutaio

Assaggiare il Torrone

Cosa fare a Cremona con i bambini se non scoprire qualcosa sulle origini del torrone e magari assaggiare questo delizioso dolce?

La leggenda narra che il nome “torrone” sia nato nel 1441, in occasione del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, i duchi di Milano. Il famoso dolce, fatto con miele, mandorle e albume, venne preparato per i festeggiamenti e modellato secondo la forma del Torrazzo cremonese. Da allora il Torrone è diventato uno dei dolci simbolo di Cremona. Preparato in occasione delle feste, veniva, infatti, regalato alle personalità politiche delle altre città come segno di benvenuto.

Festa del torrone Cremona

Dove mangiare a Cremona?

Se vi state chiedendo dove mangiare a Cremona, ecco alcune idee:

  • La lucciolaVia del Porto, 16, 26100, Cremona
  • Al Quarto Terrazza Mediterranea – Piazza della Libertà, 26, 26100, Cremona
  • Enoteca Cremona – Via Giovanni Maria Platina, 18, 26100, Cremona

Dove dormire a Cremona?

Se, a questo punto, state pensando di fermarvi in città per un weekend e vi state chiedendo dove alloggiare a Cremona, potreste visitare la pagina di Cremona Hotels. Qui troverete quattro interessanti alternative.

Noi abbiamo trascorso due notti nel DelleArti Design Hotel. Si tratta di un hotel moderno, situato in una posizione comodissima, non lontano dalla piazza del Comune.

DelleArti Design Hotel
Via Geremia Bonomelli, 8 26100 Cremona italia
Tel: +39 0372.23131
Fax: +39 0372.21654
Mail: info@dellearti.com

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*